La Corea paese ospite a MIA Photo Fair di Milano.

La Corea sarà ospite d’onore al MIA Photo Fair, la fiera internazionale di fotografia contemporanea che si svolgerà a Milano dal 22 al 25 marzo presso “The Mall”.

Focus Korea “Postmodern – short stories” è il titolo del progetto espositivo che offrirà ai visitatori del MIA Photo Fair una visione dello stato attuale della fotografia contemporanea coreana.
Il progetto, ideato dal Consolato Generale della Repubblica di Corea a Milano, realizzato grazie al finanziamento della Korea Foundation, e curato da Christine Enrile, è nato con l’obiettivo di promuovere il talento di giovani artisti e per condividere l’attuale realtà dell’arte contemporanea coreana con il pubblico italiano e non solo.

Le opere esposte sono state selezionate attraverso un concorso rivolto ad artisti coreani emergenti con un comune denominatore ovvero quello di provenire da paesi europei. La giuria, formata da professionisti del settore, ha operato tenendo conto della contemporaneità, dell’originalità, della ricerca linguistica e dell’efficacia comunicativa espressa da ogni opera decretando vincitori Gihoon Kim, Shinwook Kim, Minhee Ahn, Dohyeon Eom, Cho Daso e assegnando una menzione speciale a Moon Choi.

Mostra ARCOI – KoreArt. Segni dell’esistenza

Il 22 marzo 2019 alle ore 19,00 si inaugura a Roma, presso la sede dell’Istituto Culturale Coreano, la mostra dell’associazione artistica ARCOI, dal titolo “KoreArt – Segni dell’Esistenza”.

Verranno presentate circa trenta opere di 22 artisti coreani in attività sul territorio italiano. Attraverso questa mostra gli artisti raccontano i “Segni dell’Esistenza”. L’artista di qualunque epoca si ritrova sempre a fare i conti con l’identità e il significato della vita. L’identità sentita come individuo ed essere umano, o ancora identità intesa come identità artistica di un artista. All’artista attraverso l’identità che assume la propria opera nel contesto artistico vengono poste svariate domande che lo portano ad una profonda introspezione esistenziale. Queste infinite domande si inseguono all’interno e all’esterno dell’artista.
In questo circolo infinito di domande l’artista trova il valore della propria essenza che esprime attraverso la sua opera. L’opera non è che l’esteriorizzazione del percorso di avvicinamento all’identità essenziale dell’artista. Questo percorso può essere per esempio un’introspezione dell’essere umano e della natura per la formazione del proprio mondo interiore o della propria spiritualità o ancora l’espressione di un umanismo satirico di derivazione filosofico-naturalistica. La serie di opere esposte sono i segni e l’espressione dell’evoluzione del pensiero e dell’identità dei vari artisti.
Dentro le opere ci sono le storie degli artisti che provano anche crisi di identità vivendo da coreani all’estero. Ma allo stesso è un’occasione potendo conoscere persone e culture differenti con nuove fonti d’ispirazione. Il risultato è la possibilità di vivere la vita e i segni esistenziali di diversi artisti di età e pensiero differente.
Si tratta di una mostra speciale che spazia su diverse discipline: si avrà la possibilità di ammirare la scultura, la pittura occidentale, la pittura orientale, il patchwork, la ceramica, le installazioni, l’objet, la fotografia in una sola mostra.

Yoo Young-kuk.

Yoo Young-kuk (1916-2002) è stato un pioniere dell’arte coreana i cui dipinti hanno catturato l’essenza delle montagne utilizzando gli elementi base quali punti, linee, piani, forme e colori, quando l’astrazione era ancora un concetto sconosciuto nel mondo dell’arte coreana.

Clicca sull’immagine e visualizza la gallery.

Kim Hyun-jung

La giovane artista coreana Kim Hyun-jung è rinomata per la sua audacia ed esuberanza, e per i suoi dipinti poco convenzionali. Kim è conosciuta in particolare per i suoi dipinti di donne vestite in hanbok (il costume tradizionale coreano) ma rappresentate in contesti contemporanei in scene ricche di contrasto. Kim Hyun-jung ha vinto il Korea Creative Innovation Award 2015 nella categoria artistica ed è stata nominata nell’elenco di Forbes “30 Under 30 Asia 2017: The Arts”.

Nell’immagine sopra “Feign: Sweet Whispers (feat. Limit Excess)”, 2016, inchiostro e collage su carta di gelso, 120 × 176 cm.

Nell’immagine sotto “Feign: Oops”, 2012, inchiostro e collage su carta di gelso, 145 × 117 cm.

Alla Venaria Reale di Torino un workshop sulla carta Hanji coreana.

Dal 20 al 23 novembre 2017, il Consolato Generale della Repubblica di Corea a Milano e la Overseas Korean Cultural Heritage Foundation (Fondazione per il Patrimonio Culturale Coreano all’Estero) hanno organizzato il workshop “Comprensione e Conservazione del Rotoli Coreani: i Jokja” presso il Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”, al quale hanno partecipato dieci restauratori provenienti da vari istituti quali l’Archivio di Stato di Torino, l’Abbazia di Praglia, l’ICRCPAL e il CCR “Venaria Reale”.

Il workshop ha offerto ai partecipanti la possibilità di sperimentare i metodi di conservazione della pittura utilizzando la carta coreana Hanji, consentendo un approfondimento sulle tecniche di realizzazione dei dipinti coreani, usando carta coreana, seta e colla, e sulle tecniche di foderatura e montatura necessarie per la loro conservazione.

Park Chi sun, professoressa presso il Dipartimento di Conservazione dei Beni Culturali dell’Università Yongin, ha condotto la lezione teorica e pratica sul restauro delle opere coreane e la realizzazione della copia di un rotolo riportante il “Ritratto di Jo Gwanbin” (conservato presso il Museo di Gyeonggi), esempio rappresentativo del ritratto su rotolo della dinastia Joseon.

Cha Mi Ae, Direttrice della Divisione Ricerche della Fondazione ha presentato le diverse forme di montatura secondo l’uso della pittura tradizionale coreana. Il Museo di Gyeonggi, a sua volta, ha introdotto il ruolo del Museo nella conservazione della tradizione del ritratto.

La carta hanji tradizionale viene prodotta con corteccia di gelso pestata in un grande mortaio. Le fibre di cellulosa sono molto lunghe e si impigliano strettamente le une con le altre durante il processo di produzione, dando vita ad una carta al tempo stesso molto forte e molto pieghevole.

Il materiale usato per l’incollatura non è chimico, ma è ottenuto dalla linfa del gelso. Ciò permette alla carta carta di mantenere il suo colore e la sua pieghevolezza per secoli. La consistenza e l’assorbenza della carta hanji è da sempre apprezzata dai calligrafi e dai pittori orientali.

IMAGING KOREA – Oltre i Popoli, la Terra ed il Tempo

Segnalo che dal 23 novembre al 21 dicembre 2017 si svolgerà a Roma, presso l’Istituto Culturale Coreano, la mostra fotografica <IMAGING KOREA – Oltre i Popoli, la Terra ed il Tempo>, una mostra itinerante che ha già effettuato delle tappe in altre città europee e che ora arriva in Italia. Il percorso espositivo raccoglie immagini della Corea di profonda poeticità, sul popolo, la terra e il tempo di una Corea osservata nei suoi cambiamenti da sette fotografi di varie tendenze artistiche.

Kwon Young-Woo.

Kwon Young-Woo (1926-2013), senza titolo, 1984, cm 135 x 109, inchiostro su carta.

Kwon Young-Woo è stato uno dei maggiori interpreti della pittura coreana monocroma contemporanea. Ha principalmente lavorato con strumenti della tradizione coreana quali la carta e l’inchiostro ma sperimentando sempre nuove tecniche. Nell’opera riprodotta, ad esempio, ha effettuato delle incisioni sulla carta lasciandovi scorrere successivamente l’inchiostro all’interno.

Il Celadon del periodo Goryeo.

Un pregiato esempio del famoso celadon coreano con la rappresentazione di una gru, motivo molto ricorrente nell’arte coreana ed orientale, simbolo di nobile spirito e longevità. Il pezzo è decorato con nuvole (a forma di carattere cinese “之”) che si snodano nel cielo, mentre le gru volano liberamente tra di esse. Questi eleganti disegni mostrano un aspetto dello stile di vita e del gusto dell’aristocrazia coreana durante il Regno Goryeo (918-1932).

Il pezzo è attualmente conservato presso Il National Museum di Seoul.
(Il celadon è un tipo di ceramica che utilizza una vetrinatura traslucida, cioè uno smalto vetroso, di colore tendenzialmente verde o blu-grigio).